Bufere di neve in atto al Centro-Sud, gelo massimo atteso nelle prossime 48 ore

L’immagine delle temperature registrate alle ore 7 di stamani in Europa ci da l’idea di quanto sia intensa l’ondata di gelo che si sta abbattendo su gran parte d’Europa e sulla nostra penisola:

Il gelo è ancora più intenso fra Scandinavia e Nord della Russia dove i termometri sono precipitati al di sotto dei -40 gradi su diverse località, è un irruzione fredda fra le più forti degli ultimi anni anche per gran parte del continente Europeo.

Su di noi, gli effetti più tangibili per ora si stanno palesando sotto forma di copiosissime nevicate in atto su tutto l’Appennino centro-meridionale e sulle coste Adriatiche: nevica da ieri sera infatti specie fra le zone interne di Molise e Abruzzo dove la neve ha raggiunto il metro su alcune località esposte.

In questo impressionante video la nevicata ancora in atto su Campobasso dove la temperatura è ferma a -6 gradi circa:

 

(video dell’utente: Rws1133)

Qui siamo a Pacentro e Roccaraso (prov. L’Aquila):

neve a Pacentro (AQ)
neve a Roccaraso (AQ)

Grosse nevicate anche in Basilicata e sulla Puglia interna:

Neve anche a Matera

 

Come era nelle attese fiocchi sono riusciti a superare la barriera appenninica sconfinando sulle coste di Campania e Basilicata Tirrenica dando luogo a brevi fioccate e nevica a quote prossime al piano anche su Calabria e Sicilia.

Ma il freddo ancora più intenso tuttavia è atteso a partire da questo pomeriggio e per tutta la giornata di domani, sabato 7 Gennaio: in questa mappa la previsione delle temperature attese alla quota isobarica di 850hPa che corrisponde a circa 1450 metri di altezza: si notano picchi di -15 gradi attesi fra Abruzzo, Molise e zone interne del Sud; si tratta di valori che, a tali quote, non si sono raggiunti neanche durante i più rigidi episodi invernali, come quello del Gennaio 1985, per esempio.

 

Di conseguenza continuerà a nevicare su gran parte delle coste dell’Italia centro-meridionale con picchi di gelo al suolo che in alcuni casi potranno avvicinarsi, o superare addirittura i record assoluti per questo mese. Ci sarà il sole e farà molto freddo anche sulle regioni del Nord e in Val Padana ma, come ben sappiamo, l’Italia e lunga e morfologicamente un territorio complesso e su queste regioni il gelo, benchè piuttosto intenso, non sarà affatto paragonabile ad eventi come, per esempio, quello del Febbraio 2012.

Il freddo allenterà gradualmente la morsa a partire da Domenica 8 anche se correnti d’aria piuttosto fredda continueranno ad interessare la nostra penisola almeno per la prima parte della prossima settimana, tuttavia in maniera più attenuata.

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!