la Stratosfera chiama: ondata di gelo Siberiana in arrivo sull'Europa

la Stratosfera chiama: ondata di gelo Siberiana in arrivo sull’Europa

Pochi dubbi intercorrono oramai circa la fase finale di questo Inverno 2017-18, un’inverno che delle volte si è affacciato e molte altre volte è rimasto distante: qualche giorno fa (QUI) vi avevamo parlato del concretizzarsi di un potente STRATWARMING ovvero quel riscaldamento improvviso che avviene ai piani altri della stratosfera e che storicamente comporta ad uno scombussolamento del tempo a livello emisferico; dopo diversi giorni di attesa e di apparente scetticismo, i modelli matematici descrivono il risultato terminale di tale dinamica in un’ondata di gelo siberiana di rara magnitudo che dal prossimo weekend e per gli inizi della prossima settimana investirà il nostro continente, dalla Russia Europea verso le aree centro-occidentali e il Mediterraneo.

Lo scenario medio atteso sull’Europa è quello delle grandi occasioni e questa volta senza eufemismi di sorta:

l’ondata di gelo siberiana vista dalla media dei membri del modello matematico europeo ECMWF per il giorno 26 Febbraio 2018.

Un lungo fiume di aria gelida di matrice siberiana, quindi aria fredda continentale ai bassi strati, verrà pilotato da un robusto anticiclone principalmente verso l’Europa centrale, quindi su Polonia, Germania, Francia e fino al Regno Unito, su queste zone si instaurerà una fase di gelo considerevole tenendo presente che saremo negli ultimi giorni di Febbraio e ondate di gelo di questa magnitudo sono più tipiche della parte centrale dell’Inverno. Su Russia e parte delle aree orientali del continente i termometri scivoleranno al di sotto dei -30 gradi ma, come detto, gelo di una certa portata è previsto praticamente in svariate aree del nostro continente.

L’estensione del freddo tuttavia sarà tale che anche il nostro paese ne verrà interessato anche se non è ancora chiaro se tale interessamento risulterà marginale o più importante, più avvantaggiate in questo senso saranno le regioni settentrionali trovandosi più vicine alla massa d’aria gelida in transito oltralpe che potranno registrare temperature sensibilmente basse con possibilità di blizzard nevosi in pianura (da confermare).

le anomalie delle temperature a 850hPa (1500 metri circa di altezza) per il giorno 27 Febbraio 2018, si nota un Europa dove le temperature risulteranno considerevolmente al di sotto delle medie.

 

E’ prematuro quindi riuscire a fare un’analisi dei dettagli previsionali sull’Italia al momento, rimane però certa la dinamica in sede europea che quasi certamente assumerà carattere di eccezionalità per il periodo in corso. Non resta che seguire l’evoluzione …

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!