Un'Aprile di fuoco in Italia, ma come potrebbe essere l'Estate ?

Un’Aprile di fuoco in Italia, ma come potrebbe essere l’ Estate ?

Aprile 2018 in Italia è risultato veramente caldissimo, addirittura il più caldo dal Dopoguerra in Italia, seppur in assenza di vere ondate di caldo anomale e si fa a fatica a non crederci, a vaglio anche delle sensazioni comuni ed è stato anche un mese molto secco, insomma la perfetta antitesi dei due mesi precedenti, piovosissimi e freddi ma simile invece al mese di Gennaio, assai mite anche se discretamente piovoso.

secondo i dati del ISAC-CNR, il mese di Aprile 2018 ha registrato un’anomalia di ben +3.50 gradi sulla trentennale 1971/2000 in Italia.

Maggio invece, seppur partito molto caldo al Nord Italia, sta mostrando e mostrerà ancora di più successivamente una tendenza all’instabilità e al clima più fresco, sopratutto verso la metà del mese.

La domanda che aleggia negli ambienti fra i meteoappassionati e non tuttavia in questo periodo dell’anno è come potrebbe essere l’estate: veniamo da una precedente stagione estiva “tremenda”, culminata con l’ondata di caldo feroce dei primi dieci giorni di Agosto e il vivo augurio è che si possa assistere – SI’ – ad una stagione estiva propria delle sue caratteristiche ma meno estrema.

Negli ultimi anni l’estate è risultata spesso molto calda e quindi viene veramente difficile credere che si possa avere una stagione caratterizzata dal clima più fresco, nonostante le eccezioni non siano mancate in questi anni, nel 2014 per esempio.

Si è notato comunque che, al di là di molti indici di teleconnessione atmosferica, l’andamento del monsone indiano a fine primavera e inizio estate rappresenta un indice determinante per l’andamento della stagione estiva sul Mediterraneo e nella maggior parte dei casi quando quest’ultimo risulta molto forte, la stagione estiva risulta essere assai più calda del normale nelle nostre zone, come lo è stata quella dell’anno scorso. Al momento non si conosce ancora lo stato del monsone indiano ma un aggiornamento della situazione potrebbe avvenire prossimamente.

Anche l’ENSO, ovvero El Nino, è un indice che a più lunga scala ha spesso influenzato l’andamento climatico delle stagioni nostrane: veniamo da un periodo di Nina debole, quindi ENSO negativo e per la prossima estate l’indice dovrebbe mantenersi sulla neutralità, questo giocherebbe a favore per una stagione non estremamente calda ma il tutto, come detto, và ad incastro con altri indici e in particolar modo il monsone indiano che da solo, probabilmente, lo scorso anno influenzò in maniera, oseremo dire, “drammatica”, l’intero andamento stagionale sul Mediterraneo.

la previsione dell’ENSO media attesa, nell’asse JJA (June July August) ci si aspetta un’indice in fase neutrale.

Un’altra nota, questa volta puramente statistica, deriva dall’andamento del mese di Maggio: negli ultimi anni il mese in corso, se improntato alla stabilità e al clima molto caldo solitamente rispecchia quello che sarà poi successivamente il leit motiv della stagione estiva.

Quello che ci viene da dire al momento è che la prossima estate potrebbe risultare meno calda della scorsa (anche per un mero fatto statistico, considerando che la scorsa è stata fra la seconda e la terza più calda dal Dopoguerra in Italia) ma non sono ovviamente da escludere lunghi periodi di caldo nord-africano o nel complesso un’estate comunque molto calda, ma vaglieremo al seguito.

 

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!