Torna il bel tempo sulla nostra penisola, ma attenzione incognita “Ciclone Mediterraneo” su Sicilia e Calabria tra Venerdi e Sabato, Seguiranno aggiornamenti

Come annunciato nei giorni scorsi la nostra penisola è stata interessata da un flusso di correnti fresche dai quadranti orientali con forti venti un pò su tutta l’Italia, in particolare sui settori adriatici e al sud. Le temperature sono scese di parecchi gradi rispetto ai giorni scorsi e in molte località le minime sono calate anche di 10 gradi con “gelate” al nord in particolare sui settori alpini a quote collinari e sul settore appenninico centro settentrionale. Ma cosa succedera nei prossimi giorni?

MODELLO GFS previsto per Venerdi 28 Settembre ore 15.00

Paradossalmente sembra che madre natura voglia prendersi gioco di noi, infatti è in arrivo nuovamente un nuovo promontorio di alta pressione che riporterà le temperature massime in rialzo anche di  4/6 gradi, mentre le minime rimarranno pressoche invariate, o se subiranno qualche aumento sarà lieve al centro, nel contesto il tempo sara decisamente piu stabile almeno fino a Domenica in particolare al nord e centro con qualche annuvolamento sul settore nord orientale;

Confronto modelli ECMWF / GFS mette in risalto l’evidente incertezza.

ma attenzione attualmente stiamo seguendo l’evolversi di una depressione che dall’entroterra africano si spingera su Mediterraneo centrale la quale si approfondirà, questo grazie alle elevate temperature della superficie marina,  stando ai vari modelli matematici questa depressione darà vita a un uragano mediterraneo che potrebbe interessare direttamente Sicilia e Calabria ionica tra Venerdi e Sabato con forti venti e precipitazioni importanti. Allo stato attuale siamo in balia delle incertezze matematiche ma se dovesse essere confermata l’ipotesi descritta da ECMWF ( Cartina a destra ) la Sicilia e la Calabria potrebbero avere un weekend fortemente perturbato con possibili alluvioni. Al contrario GFS ( Cartina a Sinistra ) vede questo minimo molto piu spostato su Mediterraneo centrale in questo caso Sicilia e Calabria ne sarebbero fuori. Si consiglia comunque di seguire i vari bollettini ufficiali emessi dalla protezione civile e dagli enti nazionali. A riguardo vi daremo ulteriori dettagli nei prossimi aggiornamenti.

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!