Temperature elevatissime in tutta Italia ma attenzione ai "numeri" !

Temperature elevatissime in tutta Italia ma attenzione ai “numeri” !

Siamo agli esordi della massiccia e duratura ondata di calore che apporterà temperature davvero elevatissime e per più giorni su tutte le regioni del nostro paese ma già la giornata odierna è stata contraddistinta da valori molto alti di temperatura su molte aree delle regioni centrali e della Sardegna, dove i termometri hanno agevolmente superato la soglia dei +40+41 gradi in svariate località: se in Sardegna tali picchi sono – relativamente – più comuni, in regioni come Toscana e Lazio decisamente meno, dalla rete di stazioni amatoriali di Meteonetwork i valori massimi raggiunti oggi fra Lazio e Toscana:

le temperature massime di oggi, 1° Agosto 2017, raggiunte in alcune località dell’Italia centrale. fonte: rete Meteonetwork.

 

Non si tratta tuttavia ancora di valori estremi ma la massima intensità dell’ondata di caldo verrà raggiunta a cavallo fra la giornata di domani, mercoledì 2 Agosto e fino a tutto il prossimo weekend ed è quindi lecito attendersi picchi di temperatura ancora più elevati, per questo parliamo di caldo prossimo ai record storici.

Ora invece, concentriamoci un’attimo su come alcuni gli organi di informazione – e non è certo una novità – “maltrattano” l’aspetto numerico degli eventi e non solo quelli di stampo meteorologico: abbiamo già parlato (qui) dell’abuso di alcune terminologie anche quando non ve n’è bisogno, come “record” / “eccezionale” anche per eventi climatici normali, oggi invece vediamo come diversificare la temperatura reale e quella, cosiddetta, “percepita” per cercare di non creare confusione, come in questo articolo (e in molti altri) che circolano in queste ore su vari blog o canali di informazione:

 

quella cerchiata in rosso si chiama DISINFORMAZIONE: non specificando che si tratta di temperature percepite (parametro che fra l’altro può essere soggettivo) ma facendole passare per temperature record reali, la gente ha la consapevolezza che in queste città realmente si siano raggiunti valori del genere. Oltretutto, aggiungiamo, non è sottolineando l’indice di calore che si da maggior risalto ad un’ondata di caldo che questa volta SUL SERIO si preannuncia da record. Ricordatevi quindi di differenziare il parametro di temperatura REALE e quello della temperatura PERCEPITA che può essere calcolato tramite un’indice che comunque non tiene conto del fattore personale del soggetto esposto.

Tornando alla scienza, per quanto ci sia possibile e ai numeri, ribadiamo ancora, tuttavia cercando di limitare i danni al minimo circa ogli sorta di allarmismo, che i prossimi quattro giorni risulteranno davvero bollenti e consigliamo vivamente di evitare grossi spostamenti o attività all’aria aperta nelle ore centrali su tutte le regioni, sopratutto nelle aree interne delle regioni peninsulari: per porre un termine di paragone, basti solo pensare che questa settimana in Italia risulterà presumibilmente la più calda dall’Agosto 2003, in quel caso tuttavia il caldo record colpì sopratutto le regioni del Centro-Nord mentre in questo evento in corso le temperature più elevate verrano raggiunte sulle regioni centrali, generalmente. Ci aspettiamo, nell’arco delle prossime 72-96 ore, valori massimi di temperatura compresi fra +33 e +36 gradi in Val Padana ma con punte di +39+40 gradi in Emilia Romagna, ancora picchi di +43+44 gradi sulla Sardegna, +42+43 gradi nelle aree interne di Toscana, Lazio e Umbria ma temperature superiori a +35+36 gradi si registeranno ovunque anche nelle aree di costa, +40+41 anche sulla Campania interna ma anche qui quasi ovunque i termometri supereranno con facilità i +36+37 gradi, così come su tutte le restanti regioni peninsulari.

la risalita massiccia di aria caldo Sahariana di Venerdì 4 Agosto centrata sull’Italia e vista tramite le temperature previste alla quota di 850hPa (1450 metri di quota circa) con l’isoterma +25+27 che al suolo si traduce in picchi di temperatura superiori ai +40 gradi su diverse località.

Entro il weekend, i massimi del caldo verranno poi a collocarsi sulle estreme regioni meridionali, ponendo gradualmente fine al caldo insopportabile almeno su parte delle regioni centro-settentrionali, in questo caso temperature superiori ai +40+42 gradi saranno possibili su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, tuttavia continuerà comunque a far caldo sul resto d’Italia e in maniera intensa.

Confermiamo, AL MOMENTO, il break temporalesco atteso a cavallo fra il 9 e 11 Agosto che pare possa metter fine all’intenso evento di caldo di questi giorni, ma avremo modo di darvi conferma nei successivi aggiornamenti.

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!