Arriva Settembre e tornerà (finalmente !) la pioggia

Arriva Settembre e tornerà (finalmente !) la pioggia

Su quest’estate si è detto di tutto e a ragione: è stata caldissima, fra le più calde di sempre in Italia (qui i dettagli su ciò che è accaduto) e l’ondata di caldo dei primi dieci giorni di Agosto è risultata eccezionale, battendo record assoluti in diverse regioni; attualmente stiamo vivendo l’appendice finale dell’ennesima ondata di calore che ha investito il Mediterraneo: leggendo un pò ovunque si parla della “settima” ondata di caldo ma in un regime del tempo così statico e improntato quasi esclusivamente alla stabilità, a noi è risultato difficile classificare o suddividere le ondate di calore durante questa stagione.

Entro due giorni, l’estate meteorologica volgerà al termine per convenzione (le stagioni meteorologiche infatti, a differenza di quelle astronomiche, cominciano con l’inizio del mese del solstizio o equinozio, quindi l’Estate comincia il 1° Giugno e termina il 31 Agosto) e in coincidenza di questo limite convenzionale anche il tempo si adeguerà e una saccatura colma d’aria decisamente più fresca scivolerà durante il weekend dall’Europa nord-occidentale verso l’Italia.

l’immagine satellitare dell’Europa mostra il limite dell’aria fresca Nord-Atlantica in procinto di scivolare verso Sud contraddistinto da quella banda di nubi che si estende dal pieno oceano verso la Scandinavia. Una volta arrivata sull’Italia tornerà la tanto agognata pioggia su molte regioni.

Quest’azione causerà un peggioramento del tempo e, a più ampio spettro, una diminuzione netta delle temperature su tutte le regioni italiane: il caldo verrà spazzato via, per lo meno quello intenso e persistente che ha caratterizzato la quasi totalità dell’estate ma, come ben sappiamo, Settembre è un mese che, sopratutto sulle regioni centro-meridionali, lascia ampio margine ancora a giornate tipicamente estive.

L’aspetto che però interessa maggiormente è quello legato alle piogge, vista la siccità ai limiti dello stato di calamità su molte regioni: come abbiamo detto tornerà la pioggia, sopratutto sotto forma di fenomeni temporaleschi localmente intensi, ricordiamo infatti che è proprio questo il periodo dell’anno in cui si verificano i fenomeni precipitativi più intensi a causa sopratutto del calore accumulato in mare a contatto con i primi sbuffi d’aria più fresca.

Le prime regioni a essere interessate dai fenomeni saranno quelle settentrionali già entro la giornata di Giovedì 31 tramite il passaggio di un fronte temporalesco: piogge e rovesci si formeranno sull’arco alpino e entro la notte e prime ore di Venerdì 1° Settembre interesseranno, a macchia di leopardo Sardegna, Toscana e la Val Padana. Durante la giornata altri fenomeni interesseranno le regioni del centro-nord in maniera sparsa, specie su Alpi, Prealpi e Appennino centro-settentrionale; le temperature incominceranno a diminuire a partire da Nord mentre il clima risulterà ancora caldo al Sud con picchi di temperatura superiori ai +32+33 gradi su diverse località.

le precipitazioni attese – AL MOMENTO – per Venerdì 1° sull’Italia.

A cavallo fra Sabato 2 e Domenica 3 l’aria fresca scivolerà in maniera più incisiva verso la nostra penisola: si formeranno temporali specie fra Mar Tirreno e aree interne, attualmente però è difficile stabile la reale localizzazione dei fenomeni. Generalmente tuttavia con questo genere di “entrate” sono le regioni tirreniche a ricevere le precipitazioni maggiori, ma fenomeni, di prevalente stampo temporalesco, non sono da escludere su nessuna area.

Le temperature caleranno in maniera sensibile sopratutto da Domenica quando le ultime propaggini del fronte d’aria calda sulle estreme regioni meridionali cederanno il posto all’aria fresca di matrice nord-atlantica.

 

Discussione da utenti facebook

Inserire qui il commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!